Siracusa: Ragazzini bruciano vivo pensionato per noia. “VOLEVAMO DIVERTIRCI”.

È stato ritrovato completamente bruciato, l’anziano pensionato di 85 anni, ucciso da due 6/8 ragazzi che all’interno di un vecchio appartamento popolare alla periferia di Siracusa. Un omicidio che si è svolto per “noia”.

uomo-fiamme-2

Cari amici,
la Polizia di Stato di Siracusa sta cercando un gruppo di ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Questi ultimi, avrebbero dapprima minacciato un anziano, pensionato, 85enne, e successivamente picchiato e dato alle fiamme.

È stato ritrovato completamente bruciato, l’anziano pensionato di 85 anni, ucciso da due 6/8 ragazzi che all’interno di un vecchio appartamento popolare alla periferia di Siracusa. Un omicidio che si è svolto per “noia“.

Grazie alle immagini riprese dalla telecamera di un vicino distributore, la polizia è riuscita ad identificare solo due del gruppo. Ma quando i due ragazzini vengono portati davanti agli inquirenti d’istinto negano:

 “Non siamo stati noi. Non ne sappiamo niente”. 

Lo dicono con sicurezza e senza esitare. Gli inquirenti a questo punto mostrano loro il video. Uno inventa almeno tre versioni diverse. L’altro con totale ingenuità, ma una innocenza malata, ammette:

“Sì, siamo stati noi, ma era un gioco, abbiamo preso un foglio di giornale e dell’alcol poi gli abbiamo dato fuoco, gettandolo su quell’uomo  e siamo scappati convinti che non accadesse nulla di grave.”

Vedete, l’aspetto più inquietante di questo atto barbarico, è stato chiarito, ovvero, il movente: giovanissimi che per noia, gioco o semplicemente curiosità… si divertono nel vedere che cosa si prova a bruciare un altro essere umano.

Andrea Mavilla

Comments

comments